Hansel e Gretel cacciatori di streghe

Immagine

Hansel e Gretel vengono abbandonati di notte nel bosco dal padre, trovano la casetta di marzapane e vengono imprigionati dalla strega che vuole mangiarseli, ma riescono a ribellarsi alla vecchia megera e nel forno ci fanno finire lei.

Nella fiaba i bambini tornano a casa e vivono felici e contenti. Ma non è andata proprio così, almeno non secondo Tommy Wirkola, regista di questo improbabile sequel della storia che tutti conosciamo bene. Infatti i due fratellini crescendo diventano esperti cacciatori di streghe, che viaggiano di villaggio in villaggio facendole fuori e raccogliendo ricompense per il loro lavoro.

Quello che i due non sanno è cosa è successo veramente quella notte, e perché mai i loro genitori abbiano deciso di abbandonarli nel bosco. Inoltre, su di loro la magia delle streghe non ha alcun effetto.

Alle prese con il più grande dei sabba mai organizzato dalle loro acerrime nemiche, i due fratelli dovranno affrontare il loro passato oltre che salvare i bambini del villaggio.

La storia a tratti lascia grossi punti interrogativi, ma si lascia seguire, e il sabba con le streghe provenienti da tutto il mondo è degno di nota, varrebbe la pena guardarlo anche solo per questo. Ovviamente, non ci si può aspettare chissà quali sviluppi da un film che prende una classica fiaba dei fratelli Grimm per sviluppare una storia che ha poco a che vedere con quella originale (ricordiamo che i due fratellini erano abbandonati nel bosco perché i genitori erano poveri e non potevano mantenerli), e quindi si può chiudere un occhio sulle armi da fuoco che Hansel porta con sé – restano impressi una specie di bazooka e la mitragliatrice – nonché sul fatto che tutti i dolci mangiati nella casetta di marzapane l’hanno fatto diventare diabetico.

In fin dei conti, se il film viene preso per quello che è, e non troppo seriamente, lo spettatore non resta neanche deluso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...